Covent Garden Hotel, arredamenti e cocktails a regola di Design e moda.

READ IN ENGLISH

Il “Covent Garden hotel” by Firmdale hotels è un piccolo e elegante, carino, affascinante e originalmente concepito “boutique hotel”, ovvero una struttura dalle dimensioni contenute che ha nel design e nel servizio, negli arredamenti delle aree destinate agli ospiti, una certa originalità data dalla mente creativa della compagnia che lo ha concepito, fondendo i propri ideali di customer service ad arte e creatività rispecchianti la zona in cui la struttura è posizionata, spesso seguendo lo stile in cui i musei, le abitazioni e i luoghi circostanti sono arredati.

L’hotel è situato nel piccolo distretto di Seven Dials, Covent Garden sulla piccadilly line, Tra Holborn, Leicester Square e Charing Cross, vicino alla zone di “Theatreland” dove da decenni i teatri locali propongono i migliori show.

IMG_8697

“Brasserie Max” è il ristorante dell’hotel, situato al piano terra, subito alla destra dell’ingresso principale, qui  il mio spot preferito è al bar, dove incontro un personale giovane, e incontro lui, uno tra i più grandi professionisti che io conosca, Simone Di Serio. Lui è il capo barman, mentre mescolando e shakerando le sue deliziose creazioni, mi saluta e mi racconta qualcosa in più sull’hotel, servendo veloce una serie di cocktail perfettamente mescolati e vini attentamente selezionati a disposizione di chi non beve miscelato. Si può scegliere di accompagnare bibite con una selezione di tapas, taglieri ed i più sostanziosi piatti dal menu à la carte.

La cucina ha senza dubbio influenze inglesi, passando per una curiosa ma intrigante variante asiatica, con delle selenioni di pesce crudo e cotto in stile thailandese, Non era il mio turno quella sera,  avevo già cenato e la mia visita come accennato era al mio amico del bar. Simone mi rende orgoglioso della mia scelta, simpatiche varianti alcoliche sui cocktail classici portano la sua firma, il suo Negroni con una nota di sherry cask è stato il mio entry, seguito  una reinterpretazione sul cocktail Gimlet, tipicamente inglese, la sua variante consiste nell’aggiunta di un cordiale di salvia, che gli dona una fresca nota di giardino botanico, mi ricorda le piante che avevo nel mio giardino di casa , da piccolo mia madre preparava spesso le sue pietanze accompagnandole con una decorazione di salvia, e lui ha davvero centrato in pieno i miei sentimentii, è questo ciò che io chiamo ospitalità.Quello che è veramente unico qui all’albergo di Covent Garden, by Firmdale è che ogni stanza è completamente disegnata basato su Kit Kemp stile dietro al quale è l’artista: Conosciamo meglio l’artista Kit Kemp:

La signora britannica nata a  Southampton è co-proprietaria e art designer per Alberghi di Firmdale, mi appassiona molto il suo entusiasmo nel creare interni unici e personalizzati secondo lo stile del momento, e dell’arte locale. un autrice di opere estremamente rispettata, disegnatrice e realizzatrice di materiali tessili ed un artista che ha collaborato con grandi nomi del settore moda e lifestyle come Cristopher Farr, Wedgwood e Materiali tessili di Chelsea. (informazione da sito web). Lei è tuttavia autrice di un libro, ed il suo ultimo lavoro è chiamato come il suo motto “ogni stanza d’hotel ha la sua storia”.

Consiglio vivamente una cena di pre-teatro e cocktail after dinner, il personale giovane e dinamico, preparato e conviviale, rende romantica la vostra serata, tra arte e ospitalità. Tra cocktail e arredamenti scelti e consegnati da gente che mette il cuore in tutto ciò che fa.

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...